• PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
  • PugliArtists
    Ciclo Mostre Internazionali di Arte Contemporanea

    Ex Conservatorio Sant'Anna
    Lecce - ITALY
 
Agenzia per il
Patrimonio Culturale
Euromediterraneo


Ex Conservatorio Sant'Anna
Via G. Libertini, 1
73100 Lecce - ITALY
tel. +39 0832.682552-554
fax +39 0832.682553
E-mail
info@agenziaeuromed.it

Archeologia
 
Hierapolis
 
LE RICERCHE ARCHEOLOGICHE A HIERAPOLIS DI FRIGIA (TURCHIA)

A Hierapolis di Frigia (Pamukkale), una delle più importanti città romane dell’Asia Minore, opera dal 1957 la Missione Archeologica Italiana. La Missione è attualmente diretta da Francesco D’Andria (Università di Lecce) e ad essa collaborano numerose Università ed Istituti di ricerca italiani e straniere.

Hierapolis dominava la valle del fiume Lykos, nella regione della Frigia, lungo un percorso che univa l´Anatolia interna al Mediterraneo. Le rovine dell´antica città si trovano nella provincia di Denizli, in una località denominata in turco Pamukkale "castello di cotone" per le bianche formazioni calcaree create dal fluire dell’acqua che sgorga dalle sorgenti calde.

Le recenti attività di scavo hanno permesso di riconoscere l´impianto urbano di Hierapolis, riferibile probabilmente ad età ellenistica, con un asse principale nord-sud, la grande plateia, lungo la quale si sviluppa un reticolo stradale ortogonale che divide la città in isolati regolari. All’interno di questo impianto si disponevano gli edifici pubblici e le case. Nella parte nord della città cominciarono a formarsi, tra il II e il I sec. a. C., i primi nuclei della necropoli, che si svilupperà in età imperiale.

L'assetto monumentale della città meglio riconoscibile è quello che si creò in età flavia, dopo il rovinoso terremoto del 60 d.C., tra la fine del I ed il III sec. d.C. E´ a questo periodo, infatti, che si può far risalire la costruzione dei principali monumenti quali il teatro, il recinto del santuario di Apollo, l´agora commerciale, due grandi ninfei pubblici, ecc.

La crescita della città subì un brusco arresto nel corso del IV sec. d. C. a causa di un violento terremoto che distrusse estese aree come quella dell’Agora commerciale.

Con la costruzione delle mura di fortificazione bizantine, alla fine del IV sec. d. C., la parte nord della città fu esclusa dal perimetro urbano ed utilizzata come cava per recuperare il materiale da costruzione. Hierapolis diviene in questa fase un importante centro della Cristianità e lungo l´asse viario principale furono costruite la chiesa extraurbana (Terme-chiesa), la Cattedrale con il Battistero e, sulla collina orientale, il Martyrion di S. Filippo.

Alla fine del VI sec. d. C. un altro terremoto provocò il crollo della maggior parte degli edifici ierapolitani comprese le mura bizantine.

Nelle più recenti campagne di scavo sono state indagate in modo sistematico anche le fasi medievali che attestano profonde trasformazioni dell’abitato in nuclei agricoli che fanno riferimento al castello costruito, con materiali di spoglio, su uno sperone del pianoro.


IL TEATRO

Tra i monumenti principali di Hierapolis e meta preferita dei turisti vi è il teatro, posto nella parte orientale della città.

L’edificio, di notevoli dimensioni, occupa ben quattro isolati. La cavea è divisa in due parti dal diazoma mediano e, verticalmente, da 8 scalette in 9 cunei, con una galleria di summa cavea . Al centro della ima cavea (i gradini in basso) è collocata un'ampia esedra marmorea, con sedili terminanti a zampe leonine e alto schienale, per personaggi di alto rango.

L'edificio scenico si sviluppa in un logheion (palcoscenico) ed in una scena.

La frontescena si articolava in tre ordini sovrapposti che poggiano su un podio, decorato da lastre che riproducono un ciclo figurativo dedicato ad Apollo ed Artemide.

Questo edificio fu costruito nel III sec. d.C., sotto l'imperatore Settimio Severo, inglobando e cancellando un precedente teatro, forse di età flavia. Il teatro fu utilizzato sino all'età tardoromana; un'iscrizione del 352 d.C. documenta il restauro della frontescena.

A partire dal 2005 sono stati avviati lavori di restauro, consolidamento ed integrazione del palcoscenico e della fronte dell’iposcenio.



FOTO
Disegno ricostruttivo della città di Hierapolis (J. Cl. Golvin)
Porta di accesso
Strada principale dell’abitato (Via di Frontino)
La latrina lungo la via di Frontino
La basilica dell’Agora
L’edificio oracolare del santuario di Apollo
La Cattedrale
Il Martyrion di San Filippo
     

 



 
 
 
 
C.F.93069360753 Lecce 03/06/2003 - P.IVA 03774820751 Lecce 17/02/2004
Iscr. Cost. Reg. delle Persone Giuridiche del 04/08/2006 - Certificato Iso 9001 nr. 50 100 8678
Grila - Communication